RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

In questo articolo parleremo del riscaldamento a pavimento, tanto in voga negli ultimi anni.

Cercheremo di analizzare i pro e i contro, per capire meglio come scegliere il riscaldamento più adatto per la tua casa, anche perché negli ultimi anni si sta istallando sempre di più il riscaldamento a pavimento, soprattutto nelle nuove abitazioni, in classe energetica “A” o “B”

Il riscaldamento a pavimento è costituito da un sistema di tubazioni disposte in modo omogeneo ( normalmente tipo spirale) sotto il pavimento ed appoggiate su dei pannelli isolanti che emettono calore uniforme dal basso verso l’alto.

Il riscaldamento a pavimento può essere alimentato da una caldaia normale o a pellet, da una pompa di calore, da un impianto fotovoltaico o da pannelli solari termici.

Proviamo a riepilogare i vantaggi e gli svantaggi di questo sistema.

Vantaggi riscaldamento a pavimento

1) Il riscaldamento a pavimento, anche se ha un costo più alto di istallazione rispetto al riscaldamento classico, permette un risparmio energetico molto alto, circa il 25% annuo. Questo anche grazie al suo funzionamento con basse temperature dell’acqua che già a 32/40°C riesce a riscaldare un ambiente che con i normali termosifoni si riscaldava con 70°C.

2) Alcuni impianti di riscaldamento a pavimento permettono anche l’emissione di aria fredda che permettono di mantenere una temperatura fresca in tutto l’ambiente senza l’utilizzo di condizionatori.

3) Il calore del riscaldamento a pavimento risulta omogeneo e uniforme su tutta la superficie della casa, l’aria calda parte dal pavimento fino ad un altezza di 2.20 2.30 metri, quindi l aria fredda è posizionata in alto della stanza. Con l’impianto a radiatori succede l’esatto contrario.

4) Per chi soffre di allergie il riscaldamento a pavimento è consigliato rispetto ai classici radiatori in quanto riduce la quantità di polveri ed acari presenti nell’ambiente riscaldato.

5) Grazie al riscaldamento a pavimento possiamo usufruire di più spazio sulla nostra abitazione visto che non servono i radiatori e quindi abbiamo un beneficio in termini di spazio e non abbiamo vincoli con l’arredamento.

Svantaggi riscaldamento a pavimento

1) Come abbiamo visto in precedenza il primo svantaggio è dovuto ai maggiori costi per la realizzazione dell’impianto di riscaldamento a pavimento che però andremo a recuperare nel corso degli anni con un considerevole risparmio energetico.

2) Questo tipo di riscaldamento risulta più difficile e costoso in caso di manutenzione in quanto per intervenire dovrai togliere almeno in parte il pavimento per verificare eventuali danni o malfunzionamenti.

3) Il riscaldamento a pavimento non deve essere utilizzato come i normali radiatori, cioè acceso e spento a piacimento, ma deve essere tenuto sempre acceso, alla temperatura desiderata, in modo da avere sempre la stessa temperatura uniforme in tutta l’abitazione. Anche se questo potrebbe farti pensare ad un eccessivo costo sul riscaldamento, non è cosi in quanto anche se rimane acceso tutto il giorno ti permette comunque di risparmiare rispetto ai radiatori. Infatti il l’acqua gira a bassa temperatura.

Per concludere tenete presente anche degli sgravi fiscali, che nel 2018 ammontano a circa il 50% della spesa.

Potete lasciare un commento e/o una domanda e verrete ricontattati

info@immobiliaremannocci.it

 

1 commento

  1. Cazare Maramures

    RISCALDAMENTO A PAVIMENTO I’m really impressed with your writing skills as well as with
    the layout on your weblog. Is this a paid theme or did you modify it yourself?
    Anyway keep up the excellent quality writing, it’s rare to see a nice blog like
    this one these days.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *